Resistenza

Non sono belle giornate. Sono triste, sono demoralizzato, soprattutto sono sconvolto.
Mi sconvolge il pressapochismo e l’ignoranza della gente. Mi fa paura la mancanza di senso dello Stato, del bene comune, del riformismo, della voglia di conservare dei valori.
Una legge elettorale assurda (in cui è impossibile scegliere le persone) si scontra con la stupidità di chi vorrebbe resettare il sistema perché “tutti i politici fanno schifo”.
Non è vero. Non tutti i politici fanno schifo. Questa è una forzatura che fa comodo a chi non sa distinguere neanche i suoi stessi pensieri.
Le democrazie parlamentari funzionano in tutte le parti del mondo. Ma solo da noi prevale l’arroganza, l’ignoranza, il voler concepire un piccolo proprio bene come il miglior risultato possibile. Siamo una Società civile e siamo una Repubblica (pensate a cosa vuol dire la parola).
Il fatto che in Parlamento non ci siano più le forze politiche storiche che hanno fondato la nostra democrazia mi fa male.
Non dico che non sia piacevole vedere pochi partiti, ma è delirante non vedere più i Socialisti e soprattutto i Comunisti. Persino i Verdi (che non ho mai amato). E dire che si sono “estinti” da soli non mi basta. Non lo dico con lo spirito di chi vive nel passato, lo dico con lo spirito di chi vorrebbe vedere sempre su un altare i valori che hanno creato questa Repubblica.
Non l’odio, l’arroganza, il qualunquismo, il dilettantismo, l’affarismo, la protesta razzista e non-valori che con la nostra Nazione non hanno nulla a che fare.
Tra un po’ c’è il 25 Aprile. Ricordiamoci di tutti quelli che ci hanno consentito di essere veramente “liberi”, poveri e ricchi, fortunati e sfortunati, belli e brutti.
Dimenticare è un lusso che non ci possiamo permettere.
Ci meritiamo di più. Basta esserne coscienti.

Share

Ti potrebbe piacere anche...

20 commenti

  1. Madonna axell ma ti rendi conto di quanto sei ridicolo a fare tutte ‘ste tragedie? Ma è una roba incredibile, sono esterefatto.
    La gente ha votato, liberamente, più dell’80%, ma cosa vuoi che succeda? Non è mica venuto su Hitler, ma datti una calmata…
    La prossima volta si rifaranno le elezioni e MAGARI vincerà Veltroni, dove sta il problema?
    Finché continuerete a fare tutto sto cine continuerete a prendere bastonate sui dentoni.
    Son le stesse cose che dice Veltroni, d’altra parte, o recitava?
    Marco Rizzo stamattina alla radio diceva che la soluzione è la riscoperta della falce e martello e la creazione di un nuovo partito comunista, cosa vuoi di più?
    Poi tirate fuori la resistenza, l’occupazione nazi fascista….siete fuori dal pianeta Terra.

  2. Purtroppo l’assunto fondamentale è che DOVE NON C’E’ SOCIETA’ ed in Italia c’è una società incivile che trae questa sua inciviltà proprio dalla politica..

    Sembra un cane che si morde la coda, un loop senza uscita che non si risolverà fino a quando la politica non raggiungerà l’affidabilità richiesta per la guida del paese..

    Con Berlusconi credo che sia più facile trovare vita su Marte che non raggiungere questo risultato quindi la vedo dura..

    La gente si incattivirà ancora di più e magari saremo esposti ad ulteriori rischi..

    La vedo piuttosto nera..

  3. Luca io esprimo i miei sentimenti e non accetto che nessuno li consideri “non adatti”… E’ chiaro? Grazie. Qui io dico quello che voglio.

  4. Leggendo il primo commento stavo per l’appunto pensando ciò che hai già risposto qui sopra: è un tuo pensiero e legittimamente espresso, non capisco dove possa essere inadatto. In linea generale lo condivido, ma solo una piccolissima postilla su una cosa che è ormai passata come assodata, quasi come un luogo comune.
    La legge elettorale “porcata” che non farebbe esprimere delle preferenze. Tutti si sono ben guardati dal dire la verità, soprattutto dal Partito Democratico. E’ dal 1993 che in Italia non si possono esprimere preferenze, non è da ieri ne tantomeno con il “Porcellum”. Già nelle elezioni del 1994 (nonostante io non votassi) c’erano nelle schede elettorali dei candidati esplicitati, ma imposti, prestampati. Non si poteva scegliere un candidato altro.
    Mi dispiace veramente che il PD (compresa IDV) abbiano nicchiato su questo aspetto per giocarci sopra. Di Grillo non ne parliamo, la presunta “incostituzionalità” della legge elettorale oltre che una colossale sciocchezza in termini è una falsità. Non mi dilungo oltre.
    Ti saluto, ci vediamo tutti in un altro Stato.

  5. Non c’e’ molto da dire. In linea di principio la gente ti da ragione se parli di solidarietà, rispetto, e cose così. In linea di principio appunto, ma “di fatto” no. Basta logica semplice per mettere in contraddizione chi ti dice “basta! Espatrio o galera sicura per i delinquenti stranieri!” e poi si fanno rappresentare da delinquenti italiani.

    Incoerenza e mancanza di memoria. E poi siamo un paese vecchio, lo dice il censimento 2001.

  6. Axell, che c’entra?
    Ma lo vedi che hai perso la testa?
    Calmati…. respira profondo….
    Chi ti vieta di scrivere quello che vuoi?
    Dico solo che siete tutti RI DI CO LI a fare ste sceneggiate napulitane?
    Adesso che fate, andate tutti in montagna nelle valli di Lanzo?

  7. “Non è vero. Non tutti i politici fanno schifo. Questa è una forzatura che fa comodo a chi non sa distinguere neanche i suoi stessi pensieri.”
    Grazie per aver scritto un’idea che mi ronzava in testa da tempo. Abbiamo perso un pezzo di storia a queste elezioni assieme a valori come il pacifismo. E scusate se è poco…

  8. Da come parli sembra che vorresti realizzare una rivoluzione modello Che Guevara…
    Non ti sembra di esagerare.. Mica abbiamo Saddam al governo..
    Tu tiri in ballo in 25 Aprile.. Ma a quale scopo???
    Non mi sembra che gli italiani non siano stati LIBERI di votare quello che volevano.. Per chi ha perso è brutto da dire, ma è così..

  9. vediamo se il premier in pectore festeggerà o meno il 25 aprile e il 1 maggio, se lo facesse (per la prima volta) sarebbe un bel segnale…

  10. Il primo maggio è la festa solo di quelli di sinistra?
    Ma cosa dici?

    Berlusca non festeggia perché non lavora?

    Solo quelli che sfilano con le bandiere rosse festeggiano?

    Niente da fare, bisogna aspettare ancora un pò, sei ancora con il cervello annebbiato per l’elezione di Hitler.

    (mai lette tante minchiate tutte assieme in un solo blog).

  11. Bravo Axell che lasci tutti i commenti, chapeau.
    La fenice risorgerà dalle ceneri, forse ne aveva bisogno.

    Resta però l’amarezza di un paese dove il popolo stesso è alla frutta per votare un imprenditore che scende in politica per tutelare i suoi affari personali.

    Le nuove leggi saranno inimmaginabili, ma quell’italietta che l’ha votato si sta già spalmando la vasella da sola e sorridente, come fanno vedere nella televendita (perché non te la mandano gratis a casa, te la devi comprare!)

    spora, residente all’estero,
    [e dall’estero si ha un punto di vista distaccato che rende le cose comprensibilissime]

    PS: siamo i buffoni dell’europa

  12. Ultimamente, anno dopo anno, sarà che i partigiani stanno scomparendo e i giovani ne sanno poco, il 25 aprile ci sono sempre meno persone a commemorare e ricordare chi li ha liberati. Certi sindaci lo fanno di corsa e tanti dei DS a momenti avevano paura di farsi vedere. Adesso non so come sarà il prossimo, qua da me, ma te lo farò sapere.

  13. Axell sono con e la penso allo stesso modo. Parola per parola.

    Si apre una fase di resistenza che dovrà essere passiva ed attiva.

    Occorre che riusciamo a non affogare nella melma che inevitabilmente ci circonderà e che cerchiamo di aver presente chi come e perché chi ci governerà per i prossimi cinque (?) anni è stato in grado di raggiungere questo obiettivo.

    Anche i nostri blog possono servire a questo.

    Un caro saluto.

  14. Forse i toni sono un pò troppo drammatici. Se alcuni partiti non sono più in Parlamento ci sarà un motivo, e non dipende tutto solo dalla Legge elettorale. Non si può dare la colpa alla stupidità della gente, al tatticismo di Veltroni, all’impero televisivo di Berlusconi, a chi non ha votato e al Porcellum. Occorre che chi ha perso assuma i suoi errori e li prenda come base di partenza per riuscire meglio. Altrimenti le cose non cambiano mai. Quanto al 25 aprile: siamo stati governati per 45 anni dalla Democrazia Cristiana, che non era esattamente erede ideale dei valori partigiani. E nessuno ha mai avuto paura che la Liberazione non venisse più festeggiata. Supereremo anche un Governo Berlusconi, no?

  15. non è vero che ne fai una tragedia. Dici cose sensate. Ed è normale esserci rimasti male per il modo in cui si è perso su tutti i fronti.
    Certo chi ha pensieri di sinistra non è scomparso e magari il 25 aprile sarà in piazza a manifestare. Io spero però che non diventiamo solo il popolo delle manifestazioni, della protesta e basta.
    Bisogna ripartire dal quello che c’è, ossia da un paese senza ideologie e disincantato rispetto ai valori, di cui si parla tanto ma senza vederne i contenuti. Si deve fare tesoro del voto e capire che è forse inutile inseguire i sogni se il popolo va da un’altra parte appena cominci a parlare.

  16. Io sto ancora aspettando di sapere cosa bisogna fare per festeggiare il primo maggio.
    Cosa si deve fare perché Axell dica: “ok, sta festeggiando il primo maggio”….

  17. Mi inserisco nella discussione, anche se sono di parte su questo blog, perché Axell è un amico fraterno, e capisco perfettamente il suo stato d’animo e non ha bisogno di nessuna difesa.
    La questione dei commenti è sacrosanta. Andrea non li cancellerebbe mai perché è uno dei pochi che sostiene lo spirito libero e la bellezza di un contraddittorio nel web 2.0. Fa bene a dire che qui può dire ciò che vuole come del resto fa bene chi inserisce la sua opinione. Io sto tentando di rispondere alla venuta del messia in odore di santità con un po’ di ironia, sperando di non passare i 5 anni del suo scorso governo quando tra le varie cose ho avuto paura di non trovarmi più in un Paese libero di poter esprimere le proprie idee, con un sistema di comunicazione corrotto e monopolista. Devo dire che i due anni di Prodi non hanno rimesso per nulla a posto questa situazione, quelli che c’erano sono rimasti ai loro posti di combattimento. Questo mi fa pensare che in certi casi, come il nostro, il potere è più forte della politica. E’ questa la cosa di cui ho maggiormente paura. Per il resto esorto anch’io Andrea a prenderla in maniera leggermente diversa. Almeno diversa da Berlusconi che da dei coglioni a quelli che non la pensano come lui. Sulla questione della scomparsa di socialisti e comunisti non possiamo far finta che non sia anche un po’ colpa nostra quando abbiamo appoggiato Veltroni. Ha creato volutamente un partito moderno, molto al centro, è andato anche lui verso il modello bipolare americano. Non possiamo quindi rimpiangere la falce e il martello proprio adesso.
    Questo però, e mi rivolgo a Luca, non ci deve far dimenticare i valori, la nostra storia, quello che siamo adesso grazie a chi si è sacrificato per noi. Non è retorica, è solo il passato, che va onorato, anche con festicciole di piazza piene di punkabestia, non importa. Ma i miei figli dovranno sapere cosa non si devono mai augurare e cosa dovranno scacciare o meglio mai eleggere come rappresentante. Su Berlusconi non dico nemmeno “vedremo”. Tanto so già più o meno dove andrà a mettere le mani. Abbiamo di certo bisogno di altro, di qualcuno o qualcosa che abbia fede nella cultura italiana, che sappia valorizzare ognuno di noi per far forte il paese.
    E in questo capisco Axell quando si cruccia per l’ignoranza dei suoi concittadini. Più che ignoranza credo sia amnesia o la presa di coscienza sul fatto che ancora una vera alternativa ancora non c’è, oppure che hanno capito perfettamente il messaggio che la politica ci ha voluto dare: non esiste più la sinistra e non esiste più nemmeno la destra (mi auguro sia sempre più evidente). Esistono due poli, praticamente simili che si alterneranno al governo nei secoli dei secoli. Speriamo aggiungo io, che nei programmi elettorali metteranno la voce “buon senso”. Che poi è quello che serve per governare.
    Per concludere, riprendendo il titolo di questo post, combatterò anche con la legge di Darwin se necessario, se nel processo di evoluzione della cultura italiana rischieremo di perderci il valore della Libertà espresso dai nostri antenati durante la resistenza fascista e nazista, per sostituirlo con il valore di libertà che sta solo nel nome di un partito fasullo, quello che vuole governare.
    E quindi evviva il 25 aprile. Sempre. E spero di ritrovare tutti quelli che hanno scritto nei commenti in piazza. Indistintamente.

  18. Scusa ma non capisco questa tragedia di non avere la fazione di estrema sinistra al Parlamento. Non mi sembra che tu faccia lo stesso ragionamento per quelli di destra. E poi i vari socialisti e comunisti è meglio che non ci siano. Le stremizzazioni non servono mai a niente.

  19. I toni sono un po’funereii..però 5 anni di Silvio sono pesantini.
    Ad onor del vero, il signor Berlusconi si è sempre rifiutato di commemorare il 25 aprile, speriamo si ricordi di farlo, detto questo è vero che nn ci va mica Hitler al potere…più che altro ricominceranno le figuracce internazionali, le gaffes, i teatrini…qualcuno (casualmente) sparirà dal palinsesto tv e parecchi soldi (casualmente) spariranno dai nostri portafogli.

    Non sono d’accordo che forze come Sin Arcobaleno E La Destra debbano stare fuori dal parlamento, anzi, visto che sono comunque espressione di una parte del nostro Pase. In democrazia sarebbe giusto che tutti fossero rappresentati.
    Io ho votato socialista….guarda che fine abbiam fatto…