Nel non tempo nel non luogo

Non si può chiudere per ferie un’intera città, no, non lo si può fare.
Cammini per strada e non c’è nessuno, cammini, cammini, cammini ed è un’eterna Domenica pomeriggio. Alla faccia della tranquillità di Agosto e delle città che non si svuotano mai.
A me tutta ‘sta tranquillità mi mette tristezza, e il silenzio in città è tanto irreale da mettere ansia. Uno non si aspetta il silenzio totale in città. Ieri un gruppetto di colombi (comunis sporchis piccionis cittadinum) se ne stava appollaiato in mezzo a Corso Lione… che non è un gran corso, ma è pur sempre qualcosa di più di una via, un vicolo, una calle. Appollaiati tranquilli in mezzo alla strada. Si sono mossi solo all’arrivo di due corvacci neri (corvaccium neri neri gracchiantis), come in un qualsiasi bosco.

Chiuso per ferie. Saracinesche abbassate, silenzio, vetrine ricoperte di carta da pacco, giornalini e pubblicità infilate sotto le porte, parcheggi liberi ovunque. Alla faccia, ripeto, della città che non si svuota mai, che si svuota di meno, che non va mai in vacanza.

In centro gironzolano turisti spauriti, allegri, ma un po’ confusi. Sono nella città delle Olimpiadi, sono in tanti, vengono da molte parti del mondo, gradiscono la bellezza della città, ma … non trovano un bar aperto, se non in via Roma, via Garibaldi, via Po. Il resto è saracinesche chiuse, chiuso per ferie, siamo in vacanza.

Domani è Ferragosto. Credo che non ci saranno neanche i piccioni in giro e che le fontanelle dei toretti avranno anch’esse la scritta “chiusa per ferie”, e sarà sicuramente possibile giocare a solitario sui tombini di Piazza Rivoli.

Share

Ti potrebbe piacere anche...

7 commenti

  1. Ciao Ax, il tuo post su Lungo Dora Savana mi ha dato uno spunto per proporre alla Stampa 30 righe su i blog torinesi (proprio quelli urban) che anche d’estate continuano a raccontare la città.
    L’articolo esce giovedì nella pagina di giornonotte, i blog citati sono: Lungodorasavana, Axell, TOlove, Sanpablog e blog Torino.

    A prè

    Vespa

  2. a me non dispiace così tanto. mi figuro di essere in uno di quei film alla 28 giorni dopo… puoi metterti a fare quello che vuoi dove vuoi… anzi, perché non provi veramente a giocare a un due tre stella al centro di piazza rivoli? :-)) se mi chiamo scendo e vengo anche io!

  3. Credo che sia perchè Torino non ha una vocazione turistica tale da convincere i commercianti a restare in città, però a me non dispiace quella calma un pò surreale in cui le città si immergono chi più chi meno nella fatidica settimana di tutto chiuso per ferie.

  4. Sono d’accordo: non può essere così una città. Ma evidentemente nessuno guadagna piu’ niente a tener aperto un negozio…