Il tempo

Non ho tempo. Non ho tempo.
Manca il tempo. Quindi non faccio le cose, oppure ne faccio tantissime.
Tutte insieme, tutte male. Che affanno. E la primavera porta con sé giornate che fuggono veloci. Velocissime.
Quanto ho gustato ieri l’invasamento dei gerani, con le mani sporche di terra e il verde che conquistava piano piano un suo spazio nella nuova casa. Mi sono sentito in quiete.

Share

Ti potrebbe piacere anche...

10 commenti

  1. Ma non era che con la primavera le giornate si allungano?! 😉

    In bocca al lupo Axell cerca di tirare un respiro ogni tanto 😉

  2. Non exiguum temporis habemus, sed multum perdidimus. Satis longa uita et in maximarum rerum consummationem large data est, si tota bene collocaretur; sed ubi per luxum ac neglegentiam diffluit, ubi nulli bonae rei impenditur, ultima demum necessitate cogente, quam ire non intelleximus transisse sentimus. Ita est: non accipimus breuem uitam sed fecimus, nec inopes eius sed prodigi sumus. Sicut amplae et regiae opes, ubi ad malum dominum peruenerunt, momento dissipantur, at quamuis modicae, si bono custodi traditae sunt, usu crescunt: ita aetas nostra bene disponenti multum patet.

  3. Ecco un Blognauta in visita al tuo space! Carino il pensiero sul tempo.. anch’io mi sono posto il dilemma sul mio space. Torino ci prende in giro, a volte, eh? Ora sta spuntando il sole.. durera’?
    Passa a trovarmi sul mio BLOG e lascia un Saluto! Ok?
    Chi volesse raggiungere http://spaces.msn.com/vivoatorino/ e’ il benvenuto.
    PS:
    NON STO FACENDO PROPAGANDA AL MIO BLOG.. no .. Noo… Siiiiiiii!

    Vinny Blog

  4. mitico!!!
    IL
    IL Castiglioni-Mariotti…
    mamma mia, quanto tempo è passato…
    quello che se ti davano una versione di Cicerone, 99 su 100 trovavi tutto il periodo già bello tradotto…

  5. Ci sarebbe da fare un lungo discorso su “IL” Castiglioni Mariotti. Personalmente lo pativo per un motvi banale: era un dizionario fatto per la scuola e di fatto nei lemmi non riportava quasi mai traduzioni di versioni “famose”, cioè non concedeva niente agli allievi.
    Io usavo il Georges e il Badellino e su entrambi mi capitava di trovare nelle voci interi pezzi di versione già tradotti. Infatti andavo benissimo di Latino al liceo 🙂

    Quindi se avete un fratello minore che fa il Classico o lo Scientifico, evitate di comprargli IL e comprategli il Badellino: anche se non studia una mazza sarà un campione latinista, materiale da certamen ciceroniano.