Il Bel giornalismo italiano

Sircana (foro La Stampa)Stamattina accendo la radio in auto e su Deejay c’è pubblicità, passo velocemente ad altre radio e mi trovo su RTL 102.5 che ha un’intervista in corso con Belpietro simpaticissimo direttore de Il Giornale che conduce con serietà e con assoluta professionalità da qualche anno dopo Feltri, altro simpaticone.
Ecco, il nostro Belpietro sbotta sulla mancanza di chiarezza nel caso Sircana, portavoce di Prodi, che sarebbe finito nell’obiettivo di Corona, fotografo ricattatore. Ora, il nostro, da bravo giornalista, obietta che non Sircana deve fare chiarezza, deve dire tutto e incoraggia il direttore di Oggi, che ha comprato per 100.000 euro le foto a novembre di pubblicare perché la gente è giusto che sappia. “Sircana è un personaggio pubblico, la gente deve sapere!”.

Io ho un conato di vomito, non riesco quasi a cambiare stazione, poi ci riesco, ma nel mentre ascolto ancora il nostro argomentare che “qualcuno” sa e non vuole dire, che Sircana è “coperto” dai suoi (parlerà mica di Prodi) ed è protetto. La cosa ovviamente non è giusta. La gente VUOLE SAPERE (a me veramente non me ne frega una cippa!)

Allora Sì, Belpietro, la gente vuole sapere. Vuole sapere come mai esiste un Ordine dei Giornalisti e come mai non ti abbiano, caro Belpietro, richiamato ad un comportamento più civile.
In Italia non esiste il concetto di privacy, e mentre il nostro Sircana implora di pubblicare le foto, il mondo mediatico (leggere Mediaset e amici) sta lanciando una campagna allucinante contro questo personaggio che la natura ha già reso un po’ sfigato, almeno esteticamente.
Cosa avrà mai fatto quest’uomo? E’ finito con dei trans come si dice? E allora? E’ un reato? Il portavoce di Prodi deve essere asessuato o deve portare voto di castità? Tutto questo è allucinante.
Chiederei anche a Belpietro che dice, sempre nell’intervista, che tutto va pubblicato, perché “la gente deve sapere”, se pubblicherebbe mai una foto di Silvio (il suo capo) in atteggiamento intimo con Apicella. Oppure una foto di Bondi abbracciato a una prostituta tettona (difficile visto che secondo me Sandrino…).

Sircana non ti dimettere.

Share

Ti potrebbe piacere anche...

15 commenti

  1. Noi non vogliamo sapere perché Belpietro è ancora lì a menare il can per l’aia. Belpietro è un cafone fomentatore. La gente VUOLE SAPERE quanto è brutto il c**o di sua moglie. Vogliamo le foto della cellulite delle chia**one della signora Bellapietra. Quando era piccolo Bellopietruccio l’ha fatto vedere ad un compagno (comunista!!) dell’asilo. C’ho io i negativi. I democristiani margheriti son tutti comunisti e bisogna tenerli d’occhio fin dalle materne, che già fan le orge con le piccole cosacche! Maiali! Basta. Politica, non servate da osteria, Belpietro.
    Va a durmì e lascia in pace i poveri cristiani innocenti.

  2. la teoria del Belpietro cattivone non mi convince.
    Soprattutto alla luce della pubblicazione universale odierna delle foto.

  3. 1) Obiettivamente esistono dei repressi a cui interessano queste cose
    2) Il problema è il metodo, i giornalisti hanno il dovere di riportare tutte le notizie che potrebbero interessare, invocano come un totem la libertà di stampa per qualsiasi idiozia ed oltre qualsiasi decenza (senza leggere l’art.21 della Costituzione che vieta esplicitamente tutto ciò che è contrario al «buon costume»), ma quando si tratta di Sircana tutti negano addirittura che esistano le foto, quando in realtà ne hanno parlato per mesi (Oggi le ha comprate, Mieli ha detto che «se ne parlava» da tempo, etc.).
    Non mi piace la fattoria degli animali, non mi piace chi è «più uguale degli altri», maiale o meno che sia.

    Per me hanno sbagliato tutti, dal Garante della Privacy che non ha bloccato da subito la tendenza ai giornalisti che hanno taciuto la verità.

  4. Al Ruggito del Conisglio si ironizzava sul fatto che se uno dovesse essere condannato o biasimato perchè parla con travestiti, allora dovremmo biasimare e condannate tutti i nostri deputati e senatori, visto che tra gli scranno del Parlamento siede Vladimir Luxuria e tutti parlano con lei/lui…
    .
    Simpatica l’iniziativa odierna de “Il Foglio” che spara in prima pagina “Ecco la foto di Sircana!” e sotto piazza una normale fototessera del portavoce di Prodi.

  5. Partiamo dal presupposto che questo giornalismo è filio e forse anche vittima del sistema, non voglio immaginare che tutti i giornalisti che fanno queste cose spregevoli si divertino a farlo, detto questo, io sono convinto che ognuno è libero di fare tutto ciò che vuole, assumendosene la responsabilità! Ora il fatto ke Sircana vada a fare il zozzone, a me non importa, così come non dovrebbe importare a nessuno sul pianeta terra, tranne che alla signora Sircana ed ai Sircanini, figli di sircana punto, e dico punto!
    Tutti quelli che di cognome non fanno sircana e si interessano di quanto succede a sto povero cristo, sono esseri inutili e vuoti!

  6. Per nulla d’accordo con questo post.
    Ben vengano direttori come Belpietro! Le informazioni ci devono essere. Tocca al cittadino poi farsi un’opinione. Mi chiedo se tutta questa indignazione ci sarebbe stata con uno sfigato qualunque (vedi csao iene e droga in parlamento).
    Belpietro avrebbe fatto lo stesso col portavoce di Berlusca? Forse no… non possiamo saperlo e cmq è un altro problema. Io sono per avere sempre tutte le notizie. Che Sircana vada con trans riguarda solo lui? Bhè ci andasse a casa sua e non in una strada pubblica.
    Sia chiaro… quello che la gente vuole sapere principalmente (almeno io) non è se Sircana va con i trans o qualke deputato tira coca o paga in nero i suoi collaboratori. Anche quello. Ma mi chiedo soprattutto cosa spinge l’RCS a spendere 100mila euro per tenere nascosta questa informazione? Poi si legge che il n.1 di RCS stava per essere messo a capo della RAI… vabè… tutte congetture.

  7. Io penso che non tutte le informazioni vadano spiattellate nei giornali… esiste una deontologia professionale… (ah ah ah ah).
    E cmq Belpietro il portavoce di Prodi lo avrebbe trascurato, come trascura oggi l’intercettazione che parla dei 70 miliardi passati anni fa da Silvio a Bossi (sembra…).

  8. Certo… non tutte le notizie andrebbero pubblicate. Ma che un grosso personaggio del governo faccia il “puttan tour” non mi sembra una notizia che se pubblicata fa scandalo.
    Tutto sui giornali e tutto alla luce del giorno!
    Poi è diritto di ognuno rivolgersi alla giustizia se un giornalista oltrepassa il limite… e in quel caso è ancora più giusto che il giornalista paghi un conto salatissimo… radiazione dall’albo compresa.
    E per riprendere il tuo esempio… non è un bene sapere di Berlusca e Bossi… non è dimostrato nulla ma almeno noi sappiamo. Seguendo la linea del tuo post quella notizia non andava diffusa.

  9. Sono allibito di come quello che dovrebbe essere uno dei più bravi comunicatori italiani (Sircana) abbia gestito la sua immagine in questo caso. Poteva semplicemente raccontare che è un uomo normale che può fare qualche cazzata e denunciare chi cerca di speculare sulle sue debolezze. Lo scandalo non è nel puttan tour di Sircana, ma nel modo pietoso in cui questa “bagattella” (per dirla con Berlusconi) è stata gestita. Pensiamo proprio a Berlusca. La moglie lo mette alla gogna su La Repubblica dandogli del bastardo puttaniere e lui perfino ci ironizza su. Ma Sircana non poteva fare lo stesso???