Il popolo del V-Day non conosce il blog di Grillo

Un sondaggio di Repubblica (ripreso da ClandestinoWeb) lo dimostra.
Io non avevo dubbi.

sondaggio su Grillo

(via Mantellini)

Share

Ti potrebbe piacere anche...

19 commenti

  1. Sono andato a guardarmi bene il sito da te linkato, dove è compresa l’intera statistica.
    Tu, prendendo solo questa tabellina e copiando pari pari il titolo della tabellina, dimentichi di dire che il campione è preso su persone qualunque, non tra i partecipanti al V-Day. Del resto, il titolo non avrebbe senso, se parlando di internauti di Grillo, qualcuno avesse risposto “non lo sono”.
    Quindi significa che mediamente quelle statistiche sono relative a tutta la popolazione italiana, come si evince dal sito da te linkato, non a chi era in piazza a firmare e basta.
    Se non illustri nella maniera corretta le statistiche, fai della falsa informazione…

  2. Concordo pienamente con Mauro, ma non solo: credo che messa così tu forse non ti sei chiesto la cosa più importante ( diciamo che ti dai una martellata sul dito da solo ): fatti questa domanda: se io ho ragione, cioè non conoscono il bolg…. come ha fatto grillo a portare tutta sta gente in piazza ? pershè se tu avessi ragione Grillo è riuscito dove nessun sindacato o partito è mai riuscito.portare tutta quella gente in piazza solo attraverso un tam tam. Forse dovresti meditare un pò di più su quello che è successo. Sta classe politica è alla frutta per un sacco di motivi e di delusioni.

  3. Cmq amici… non pensate che se avessero fatto l’inchiesta ai V-Day avremmo avuto solo dei “si”? Anche di gente che non ha mai visto il blog? Via il prosciutto dagli occhi, sta meglio sul piatto.

  4. Il V-Day è stato promosso anche dai mass media tradizionali (soprattutto con la mediazione di alcuni testimonial che ad esso guardavano con simpatia), anche se ciò è avvenuto in modo abbastanza ridotto. Quindi, non parlerei solo di magico tam tam…

    Forse la citazione di Axell non era precisa. Ma, se il campione del sondaggio è davvero affidabile, scopriamo che meno del 12% degli intervistati (e quindi, teoricamente, dell’opinione pubblica italiana) ha visto almeno una volta il blog di Grillo. Il che dovrebbe ridimensionare l’entusiasmo riguardo la nuova “democrazia del blog”… soprattutto perchè, sempre secondo il sondaggio, 1 intervistato su 4 non usa mai Internet.

  5. credo che molto più semplicemente gli italiani conoscono molto poco la rete e di conseguenza non sanno nemmeno cos’è un blog.
    Comunque quello che sta facendo Beppe è sicuramente qualcosa!!! Inoltre condivido l’opinione con Max… i sondaggi dicono ciò che pensa chi li commissiona.

  6. E per fortuna che solo il 12% legge il blog di Grillo, se fossero stati il 50% a quest’ora il parlamento sarebbe deserto ….

  7. Caro Paolo, ma se Repubblica avesse detto che Grillo è il nuovo leader sarebbe stata sempre “stampa di regime”?
    mi fate paura e mi mettere una grande tristezza.

  8. A me invece fa tristezza che la cosiddetta “blogosfera” italiana, invece di guardare al fenomeno per quello che e’ e cercare di analizzarlo, continui con quest’atteggiamento di altezzosetto snobismo intellettualodide del menga.

    Scusa Axell se mi sfogo qui, vedila un po’ come un caso.

    Ma da quando seguo (poco) il panorama dei blog italiani “che contano” (== escludendo le tipe gotiche che si tagliano) sono passato attraverso una FALLIMENTARE campagna pro referndum sulla fecondazione assistita, una ANCOR PIU’ FALLIMENTARE campagna a favore di Ivan Scalfarotto (che fin votai) piu’ vari ed eventuali appoggi dati a vicende quali Pacs e dico.

    Tutto e’ sempre finito nel niente piu’ totale.

    Quello che ho sempre visto e’ un amore becero per l’autocitazione e il mutuo concerto che porta alla fine un mezzo ricco di potenzialita’ come il blog a diventare una sorta di circoletto segaiolo che addentando croissant si elogia a vicenda per la ricchezza e la sagacia degli scritti di ciascuno.

    A voler essere cattivo mi viene anche da credere che molti rosichino pesantemente perche’ un personaggio che fino a qualche tempo fa di nuovi media non ne sapeva un cacchio non vi vede neanche da lontano. E che l’ottusita’ generale invece di chiedersi come faccia non fa che attaccare alla persona.

    Perche’ invece di attaccare Grillo, che resta un collerico parlatore di pancia appoggiato da degli ottimi giornalisti come Travaglio e da degli altrettanto ottimi redattori, non cercate di rapportarvici e di capire dove lui riesce e voi MISERAMENTE FALLITE?

    Scusa ancora se faccio di tutta l’erba un fascio, ho scritto qui quasi per caso. Ho forse e’ perche’ sei del Toro, boh…

  9. Io miseramente fallisco nel tentare di capire come mai voi non capiate. Quindi ci rinuncio.
    Buona fortuna, e dopo Scalfarotto (ah ah ah ah)vota le liste di Grillo… mi sembra che il Toro c’entro poco. Se sei compagni di tifo… Forza Tooorooo!!! Se non lo sei. Pace.

  10. Grillo genio del blog? Molti non la pensano così (anche io). Ma vale forse la pena di ricordare che il GrilloBlog è scritto da Luca Sofri, che è tenutario di un altro blog super-letto. Ora, mi fa un pò paura che oggi il pensiero di moltissimi blogger (e quindi cittadini) sia così influenzato da una sola persona. Dalle idee poi non sempre così rassicuranti e geniali, almeno per me…

  11. “Ma vale forse la pena di ricordare che il GrilloBlog è scritto da Luca Sofri, che è tenutario di un altro blog super-letto.”

    ma siete sicuri? siccome è la prima volta che lo sento dire, volevo chiedervi se avete qualche fonte per questa informazione.

  12. @astrid, in effetti credo che non sia chiaro. Luca Sofri che scrive su GrilloBlog? Non credo proprio…

    Politicaduepuntozero illuminaci.