Who’s Axell?

Me & my son

Blogger (esistono ancora?), insegnante e qualcosa di simile a un esperto di marketing, comunicazione e cose digitali.
Amante di tutto le cose geek che ci sono su questo pianeta e appassionato di web da quando il web esiste.
Mosaic è stato il suo primo browser e pensa ancora che Internet sia qualcosa di magico e di unico. Cura un paio di blog (axellweb.com e iblog.it) e scrive un po’ ovunque. Tanto sui social media e ancora molto sulla carta.
Non ha una agenda e non l’ha mai avuta.
Gira in bici per vivere meglio la sua Torino e per risparmiare un po’,

Il suo motto è “Chi sa fa”.

Andrea Toso (Axell) nasce a Torino (da genitori veneti) nel mese di giugno di un bel po’ di anni fa, laureato in Scienze della Comunicazione e masterizzato in digital marketing.

Attualmente si occupa di Strategia per Wedoo, agenzia di comunicazione torinese, un luogo e un team di persone molto speciali. Ha coordinato attività e progetti per agenzie pubblicitarie, dipartimenti universitari e centri di ricerca ICT.

(scheda LinkedIN completa, se vi interessa saperne di più)

Ha insegnato per tanti anni come professore a contratto per il Corso di Laurea in Scienze dalle Comunicazione di Torino e per lo IED di Torino.

Si è pagato l’università facendo per sette bellissimi anni l’animatore turistico.

Le sue manie: il Toro, Torino, le macchine da scrivere, i gadget tecnologici, la buona politica, il mondo Apple e il piccolo Lorenzo.

Disclaimer

I testi di questo blog sono prodotti da me medesimo, a volte con la collaborazione di amici; uso il diritto di citazione come mi pare (rispettando la fonte, per quanto mi è possibile). Tutti i contenuti sono protetti da licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 2.0 Italy. Vi prego, se prendete qualcosa, di segnalare questo blog come fonte (con un link). Dovete chiedermi il permesso di usare le mie cose su siti web commerciali!
L’autore di questo blog è un irresponsabile di natura, e non vuole essere responsabile di commenti lesivi dell’integrità di persone, cose, imprese e organizzazioni. Questo blog non ha un aggiornamento periodico, quindi (meno male) non è equiparabile ad uno strumento editoriale di tipo giornalistico.

Share

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *