Quando si tornava dalle vacanze

vacanze anni 60Quando eravamo ragazzini e tornavamo dalle ferie era tutto un po’ speciale.
Si faceva un po’ fatica a tornare alle vecchie abitudini. Magari i compiti delle vacanze erano ancora lì sul tavolo da iniziare. Magari aver passato quasi un mese tra parenti, mare e amici “del mare” poteva rendere decisamente traumatico tornare a casa, specialmente se durante le vacanze era scoppiato qualche piccolo grande amore.
Ma c’era anche la frenesia di raccontare cosa era successo agli amici del cuore, quelli che vedevi tutti i giorni, compresi i week end.
Nuovi amori, qualche esperienza sportiva, qualche viaggetto extra da raccontare, una maglietta nuova comprata al mare e via così.
C’era frenesia, almeno nel periodo delle medie o giù di lì, quando tutto è eccitazione, libertà e svago.
Il ritorno era quasi sempre uguale. Io andavo sempre in Veneto e i miei amici quasi sempre in meridione da parenti, a parte qualche rara eccezione.

Ma il 2 Settembre riapriva la FIAT e quindi i giorni prima erano destinati a grandi ritrovi, magari sotto casa, magari al parco o semplicemente nell’androne di qualche condominio, al fresco. Grandi racconti, molta fantasia, qualche balla (molte balle).
Uno sguardo di una fanciulla era diventato un bacio.
Una vittoria a beach volley era diventata una medaglia d’oro alle Olimpiadi.

E poi c’erano loro: le ragazze.
Un universo parallelo.
C’era molta ansia sul loro ritorno. Come erano cambiate durante le ferie? Erano cresciute? Erano abbronzate? Avevamo avuto amori al mare o in montagna? Immagini di bagnini sudaticci avvinghiati alla tua amica del cuore.
Molta ansia, che però svaniva dopo pochi giorni, quando uno si rendeva conto che – sì erano cresciute- , molto più di noi e che un mese di separazione per loro equivaleva quasi a 6 mesi di crescita extra.
Noi a parlare di calciomercato e loro ormai lanciatissime a parlare di ben altro.
Però che bello.
Che bello, che bello.

Share

Ti potrebbe piacere anche...

5 commenti

  1. io sempre posti diversi e quindi la certezza di non rivedere più gli amichetti/e conquistati al mare. la nostalgia che già assaliva nel viaggio di ritorno.

    (a proposito di blogghi … la prossima blogcrikkacena ricordatevi di me … fetentoni!!!)