Freddure del lunedì

Ricevo via mail dalla Silvia T.
E pubblico…

1)
Nella vita ci sono le cose vere e quelle supposte. Le cose
vere per il momento le mettiamo da parte, ma le supposte… dove le
mettiamo le supposte? (Totò)

2)
Berlusconi fin da piccolo disse: “O divento presidente del
Consiglio o niente”. E’ riuscito a diventare tutt’e due. (Roberto Benigni)

3)
Ma parità dei sessi vuol dire che dobbiamo avercelo lungo
tutti uguale? (Woody Allen)

Continue Reading

Al casello…

Axell Matrix

In coda al casello di Volpiano. Torino Ivrea, al ritorno dall’appello.
Mi giro a destra e vedo me stesso.
In un altra macchina vedo me stesso. E io mi guardo. Anzi lui mi guarda. Anzi ci guardiamo.
O era il caldo, o erano i Chemical Brothers che strillavano dall’Ipod, o era la fame porca (quando faccio appelli non mangio mai)
… o era il mio clone.
Sono stato clonato.
E mi è preso ancora più male quando lui mi ha fatto un sorrisino alla Mr Smith di Matrix.
Oh cazzo.

Continue Reading

Omosessuali malati secondo i PapaBoys

Questo simpatico gruppo di nazisti cattolici la pensa così… e lo pubblica anche. Coraggiosi…

ROMA – (23 Aprile, h.16.14) – Il grande ideologo Zapatero, illuminato spento dalla passione per le novità che non portano valori ma disfunzioni ai giovani, provoca l’Europa con una straordinaria quanto vergognosa proposta di legge: è proprio vero che non c’è limite nella ricerca di consensi elettorali, e che pur di minare i valori eterni della fede e dei valori…. basta vendersi l’anima a Satana!

Ma noi PAPABOYS VOGLIAMO RACCONTARVI LA VERITA’! CHE E’ LA COSA CHE CI RENDERA’ LIBERI!

Omosessualità? Si può uscirne

di Mario Palmaro – mario.palmaro@tiscalinet.it
docente presso l’ateneo “Regina Apostolorum” di Roma

L’omosessualità è una condizione patologica. Dalla quale, se si vuole, si può uscire. Ma l’azione di una potente lobby gay mira a nascondere questa verità.

L’omosessualità come fatto normale. Da almeno trent’anni nella società occidentale opera una potente lobby che vuole far entrare nella testa della gente questa semplice idea: l’omosessuale è come un mancino, certo più raro delle persone che usano la mano destra, ma non per questo giudicato una persona “che sbaglia”. Insomma: “gay è bello” almeno quanto essere un eterosessuale. Chiunque sostenga il contrario, perde il diritto di parlare nel grande salotto del villaggio globale e viene liquidato come un intollerante che discrimina gli omosessuali, che li odia e che li considera individui pericolosi e senza speranza. Ovviamente, si tratta di un’accusa completamente falsa, che vuole solo neutralizzare la verità: e cioè che l’omosessualità è una condizione patologica, che ostacola la piena realizzazione della persona.

Continue Reading